Dal cashback per “risparmiare” sul bollo alle multe meno salate: tutte le novità per gli automobilisti nel 2021

Proroga delle scadenze per le revisioni, multe meno salate, cashback anche sui bolli e sulle assicurazioni: ecco tutte le novità per il 2021 per gli automobilisti. A cominciare proprio dalle multe il cui importo nel 2021 sarà abbassato: riguarda però solo le sanzioni di oltre 250 euro che saranno ridotte grazie all’inflazione. Il ribasso sarà dello 0,2 per cento.  L’iniziativa del cashback si può applicare anche alle spese del bollo auto e delle assicurazioni: basta infatti pagare con carta di credito e bancomat per includere nelle transazioni anche questi pagamenti. Ovviamente, così come è capitato per il cashback natalizio, i rimborsi del 10 per cento arriveranno solo se entro sei mesi saranno eseguite 50 transazioni. Il rimborso massimo sarà di 150 euro.

Sono previste proroghe per le revisioni delle auto e per gli esami della patente. Chi ha presentato la domanda per fare la patente nel 2020 ha un anno di tempo, anziché sei mesi, per eseguire l’esame di teoria. Una proroga dettata dall’emergenza Covid. Per lo stesso motivo – spiega AdnKronos –  è stato rinviato al 30 aprile 2021 il rinnovo delle patenti in scadenza dal 31 gennaio 2020. La visita presso la Commissione medica locale deve essere fatta entro 90 giorni dalla fine dello stato di emergenza.

Sono stati posticipati i termini per la revisione delle auto:  entro il 31 gennaio 2021 per quelle scadute a giugno 2020;  entro il 28 febbraio 2021 quelle scadute a luglio, ottobre, novembre e dicembre 2020;  entro il 31 marzo 2021 quelle scadute ad agosto 2020. Infine sono stati confermati gli incentivi per l’acquisto di auto a benzina o diesel: aumentano di 1.000 euro senza rottamazione e di 2.000 euro con rottamazione gli incentivi per l’acquisto di auto elettriche o ibride con emissioni fino a 60 g/km di CO2. Per la fascia da 61 a 135 g/km sono previsti bonus di 1.500 euro, più 2.000 del venditore, entro il 30 giugno 2021, anche se i fondi stanziati potrebbero finire prima di quella data. Previsto un bonus da 800 a 8.000 euro per autocarri e autoveicoli speciali M1, a seconda delle caratteristiche. Incentivi fino all’esaurimento dei fondi stanziati anche per i mezzi con massa complessiva fino a 3,5 tonnellate.

Leggi il precedente

Maltempo, rinviato l’allenamento dei piloti Rinaldi e Pirro all’autodromo del Levante

Leggi il successivo

Storia dell’automobilismo pugliese: gli anni dal 1935 al 1939 e il 1^ Circuito Monopoli

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *